FABBISOGNO PROTEICO NELL’ADULTO

By: | Tags: | Comments: 0 | Febbraio 24th, 2024

Molte volte mi sono chiesto PERCHE’ in una dieta “equilibrata” vi sono certe percentuali di carboidrati, grassi e proteine e da dove arrivino, e come sono state calcolate certe percentuali.

Per i carboidrati, il range percentuale cambia in base all’ente di ricerca consultato ma, “a spanne”, potremmo considerare un intervallo compreso tra il 45 e il 65% dell’energia totale. Volendo stimare la quantità di carboidrati nella dieta sul peso fisiologico invece, potremmo utilizzare un coefficiente di 2,0-2,5 g/kg.

La frazione adeguata di grassi nella dieta è del 25% (per gli adulti) o del 30% (per i soggetti in accrescimento) rispetto all’energia totale di un regime normo calorico. Per l’adulto, volendo stimarli sul peso fisiologico, il coefficiente dovrebbe essere di 0,5-1,5 g/kg.

Per le proteine, diciamo che, per la popolazione generale, se ne raccomanda più o meno 1,0 g/kg di peso fisiologico (a seconda della fonte bibliografica consultata); oppure il 13% dell’energia normo calorica.

FABBISOGNO PROTEICO NELL’ADULTO: NUOVE LINEE GUIDA

L’articolo che sto per illustrarvi è uno dei tanti, che spiega perché il concetto di calorie è superato e perché bisogna tenere conto della quantità giornaliera di proteine da assumere durante la giornata per un corretto metabolismo proteico.

Questo articolo è uscito nel 2009 SU Nutrition & Metabolism (Nutrition & Metabolism 2009, 6:12) dal titolo “Dietary Guidelines should reflect new understandings about adult protein needs”, “Le linee guida dietetiche dovrebbero riflettere nuove conoscenze sul fabbisogno proteico negli adulti.

Gli autori si sono posti certe domante e certe considerazioni sui limiti della RDA. Cosa è la RDA.

La RDA (Recommended Daily Allowance), dose giornaliera raccomandata, indica la quantità minima di un nutriente (macronutriente o micronutriente) che nel 97.5% di una popolazione di riferimento (divisa per età e sesso, ma indipendentemente dal peso) è presente in caso di buona salute, evitando ipovitaminosi di rilevanza medica. Dal 1997 negli Stati Uniti d’America è stato inglobato come parte del DRI (Dietary Reference Intake), Assunzione Dietetica di Riferimento.
La RDA è strettamente collegata al soddisfacimento del fabbisogno giornaliero, secondo le attuali conoscenze mediche, ma spesso è erroneamente interpretato come “fabbisogno minimo”

  • Perché è importante la proteina? Saziante La proteina è il macronutriente più saziante. Assicurarsi di raggiungere il proprio obiettivo giornaliero di proteine aiuta a rimanere sazi più a lungo. Questo è particolarmente importante durante una fase di perdita di grasso, poiché può aiutare a prevenire gli spuntini tra i pasti!
  • Sintesi Proteica Muscolare (MPS). Il modo più affidabile per attivare la sintesi proteica muscolare nell’organismo è consumare proteine. Per una persona della popolazione generale, l’aggiunta di proteine alla dieta aumenterà i livelli di aminoacidi liberi nel loro flusso sanguigno, attivando così un aumento della Sintesi proteica muscolare. Durante un deficit calorico, la proteina aiuterà anche a proteggere la massa magra del corpo.
  • Effetto termogenico dei cibi (TEF) La proteina ha il più alto potere termogenico tra tutti i macronutrienti. Ciò significa che il tuo corpo ha bisogno di utilizzare più energia per metabolizzare le proteine che mangi rispetto a quanto ne abbia bisogno per metabolizzare i carboidrati o i grassi. Nel caso delle proteine, il 20-30% dell’energia che ti fornisce viene utilizzata per metabolizzare le proteine.

Ma veniamo all’articolo.

Nuovi concetti, da inserire nelle linee guida dietetiche riguardo le proteine:

  • Le proteine sono una parte critica della dieta degli adulti.
  • Il fabbisogno proteico è proporzionale al peso corporeo, NON all’apporto energetico.
  • L’utilizzazione delle proteine negli adulti è legata all’assunzione durante i singoli pasti.
  • La maggior parte degli adulti trae beneficio da un apporto proteico superiore alla RDA minima.

L’articolo pone in evidenza le criticità delle Linee Guida Alimentari nel contesto dell’uso delle proteine nella dieta.

  • La proteina è una parte critica della dieta per adulti

La proteina dovrebbe essere una parte centrale di una dieta completa per gli adulti. Mentre la crescita fisica avviene solo per un breve periodo di vita, la necessità di riparare e rimodellare muscoli e ossa continua per tutta la vita. Mantenere la salute di muscoli e ossa è una parte essenziale del processo di invecchiamento e fondamentale per mantenere la mobilità, la salute e i tessuti attivi del nostro corpo. Le esigenze proteiche diventano più importanti durante periodi di ridotta assunzione di cibo, come la perdita di peso o durante periodi di recupero dopo malattie o durante l’invecchiamento.

  • Le esigenze proteiche sono proporzionali al peso corporeo; NON all’apporto energetico

Le esigenze proteiche per gli adulti sono legate al peso corporeo. Spesso, il fabbisogno proteico alimentare viene presentato come una percentuale dell’apporto energetico. Gli RDA rappresentano la gamma accettabile di proteine come 10% – 35% dell’energia totale. Tuttavia, le esigenze proteiche sono costanti in tutti i livelli di apporto energetico. Quindi, a bassi apporti energetici, le esigenze proteiche devono rappresentare una percentuale più elevata delle calorie totali, mentre a elevati apporti energetici la proteina può essere ridotta come percentuale delle calorie totali. In generale, la proteina alimentare dovrebbe essere stabilita inizialmente in qualsiasi dieta in proporzione al peso corporeo, quindi carboidrati e grassi aggiunti in base alle esigenze energetiche.

  • L’uso ottimale della proteina per gli adulti è una funzione dell’assunzione ai singoli pasti

La proteina è una parte importante di una buona nutrizione in ogni pasto. Le vitamine e i minerali possono soddisfare i bisogni nutritivi su base giornaliera, ma per la proteina il corpo non ha la capacità di conservare un’offerta giornaliera. Per mantenere muscoli e ossa sani negli adulti, dovrebbero essere consumati almeno 30 g di proteine in più di un pasto. La colazione è un pasto importante per la proteina alimentare perché il corpo è in uno stato catabolico dopo un digiuno notturno. Un pasto con almeno 30 g di proteine è necessario per iniziare la ricostituzione delle proteine corporee. La presenza di proteine ​​alla colazione è anche fondamentale per la regolazione dell’appetito e l’apporto alimentare quotidiano.

  • La maggior parte degli adulti beneficia di un’assunzione di proteine ​​superiore alla RDA

Le popolazioni invecchiate affrontano un aumento dell’incidenza di obesità, osteoporosi, diabete di tipo 2, sindrome metabolica, malattie cardiache e sarcopenia, che hanno sollevato nuove questioni sui rapporti alimentari di carboidrati, grassi e proteine ​​per la salute a lungo termine. La RDA rappresenta l’assunzione giornaliera minima per adulti attivi e sani. Per la maggior parte degli adulti, sostituire alcuni carboidrati alimentari con proteine ​​aiuterà a mantenere la composizione corporea e la mobilità, migliorare i lipidi e le lipoproteine ​​del sangue e contribuire a controllare l’assunzione alimentare.

La conclusione di questo articolo è che, già quasi 15 anni fa, si era compreso che le Linee Guida Alimentari dovevano tener presente le nuove conoscenze sull’importanza delle proteine per un corretto mantenimento della massa muscolare

FIGURA 1. – “Distribuzione proteica durante i pasti. A) Assunzione di 90 grammi di proteine, distribuiti uniformemente in 3 pasti. B) Assunzione di 90 grammi di proteine distribuite in modo non uniforme durante la giornata. Stimolare la sintesi proteica muscolare al massimo durante i pasti mostrati nella Figura 1A è più probabile che fornisca una risposta anabolica proteica maggiore nell’arco delle 24 ore rispetto alla distribuzione disuguale delle proteine nella Figura 1B. (Adattato da Paddon-Jones & Rassmussen Curr Opin Clin Nutr Metab Care 2009, 12: 86–90.)”

 

 

BIBLIOGRAFIA


Areta JL, Burke LM, Ross ML, et al. Timing and distribution of protein ingestion during prolonged recovery from resistance exercise alters myofibrillar protein synthesis. J Physiol. 2013;591(9):2319-2331. doi:10.1113/jphysiol.2012.244897
Dr Layne Norton’s The Science Of Nutrition Certification. Clean Health Fitness institute 2020.High and Low Biological Value Protein Foods. Retrieved from: https://www.eufic.org/en/whats-in-food/article/the-basics-proteins
Hoffman, J. R., & Falvo, M. J. (2004). Protein – Which is Best?. 
Journal of sports science & medicine3(3), 118–130. Retrieved from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3905294/
Mamerow, M, et al, “Dietary Protein Distribution Positively Influences 24-H Muscle Protein Synthesis in Healthy Adults”, Journal of Nutrition, 2014.Performance Nutrition Coaching Certification Level 1. Clean Health Fitness Institute 2020.
Phillips SM, Van Loon LJ. Dietary protein for athletes: from requirements to optimum adaptation. J Sports Sci. 2011;29 Suppl 1:S29-S38. doi:10.1080/02640414.2011.619204
Westerterp-Plantenga MS.The significance of protein in food intake and body weight regulation. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2003 Nov;6(6):635-8.

Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Accettando i cookie, ne confermi l'utilizzo su questo sito web.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi.

We use WooCommerce as a shopping system. For cart and order processing 2 cookies will be stored. This cookies are strictly necessary and can not be turned off.
  • woocommerce_cart_hash
  • woocommerce_items_in_cart

  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi